Controstoria dell’unità d’Italia

«In totale, sedici ufficiali furono ritenuti responsabili diretti dei tracolli militari in Sicilia, Calabria e Puglia. Incapaci, forse pavidi, altri probabilmente corrotti. Di certo, molti furono solo cinici calcolatori. Scelsero per opportunismo, quando le cose stavano cambiando[…] Qualcuno si suicidò; altri, passati con l’esercito piemontese poi italiano, furono umiliati, guardati con diffidenza e messi subito… Continua a leggere Controstoria dell’unità d’Italia

Cavalcata paradossale

<<Le rivoluzioni devono essere considerate come le rivincite della follia sul buon senso (…). La società borghese ha creato l’uomo macchina, l’uomo funzionario, l’uomo orologiaio, l’uomo regola. Io sogno l’uomo eccezione.>> L’Homme qui cherche, “Cavalcata paradossale. Caccia al ‘buon senso’”, in La Folla, 6 Aprile 1913

Perchè babbo natale esiste

Lo diceva già Aristotele: dire che qualcosa è necessario equivale a dire che non è possibile che non sia, e dire che qualcosa è possibile equivale a dire che non è necessario che non sia. Su questo non possiamo che essere tutti d’accordo. Quindi, in particolare, affermare la necessità dell’esistenza di Babbo Natale equivale ad… Continua a leggere Perchè babbo natale esiste

La prima guerra mondiale, diario inedito

<<Allora il capitano si affretta ad alzarsi ed assieme ai pochi rimasti ci avviciniamo al ponte di legno ove passano i pedoni, ma che confusione: mi volto e vedo una colonna di chilometri e chilometri di gente ti tutte le classi, di tute le età e tutti si accalcano all’ingresso del ponte tenuto a stento… Continua a leggere La prima guerra mondiale, diario inedito

Solo i poveri vanno a morire per gli altri

Siamo in Valle di Susa, esattamente a Susa, al secondo piano del palazzo civico. E’ il giorno 19 Ottobre 1848 (prima guerra di indipendenza): con il sugello e la garanzia del notaio Giovanni Battista Garino e – in rappresentanza dell’esercito sabaudo – del luogotenente colonnello Francesco Castelli, comandante il Battaglione di Deposito del XIII Reggimento,… Continua a leggere Solo i poveri vanno a morire per gli altri

Alpi segrete

Una madre è posta di fronte alla scelta di abbandonare il proprio piccolo di trenta giorni, privarlo della sua linfa materna e lasciarlo di fronte a un fondato rischio di morte, con lo scopo di allattare un altro infante, figlio di una signora benestante la quale non vuole occuparsene per non distrarsi dai suoi svaghi.… Continua a leggere Alpi segrete

Crisi della modernità

Ho ritrovato casualmente uno scirtto di Franco Foschi. Vecchio di 12 anni, ma quanto mai attuale. Lo ripropongo condividendone appieno i contenuti. <<Siamo ormai da anni in una nuova situazione di crisi. Che si possa definire come “crisi di modernità” come alcuni studiosi hanno detto già dieci anni fa o diversamente, certo tra i segnali più… Continua a leggere Crisi della modernità

Ricerca scientifica: non delegamiola solo all’università

Molte delle più importanti scoperte moderne sono sbocciate fuori dalle università, spesso da outsider che hanno lavorato con pochissimi mezzi e che gli accademici “parrucconi” – quelli che disponevano di tanti mezzi – guardavano dall’alto in basso. Il caso più clamoroso, quello che ha letteralmente rivoluzionato la scienza moderna e ha dato il via a… Continua a leggere Ricerca scientifica: non delegamiola solo all’università