Mar 302014
 

<<E poi, mi pare proprio che tu, oltretutto, non compia una cosa giusta lasciandoti andare,
mentre potresti salvarti, perché, in fondo, ti adoperi a far quello che vorrebbero i tuoi
nemici, anzi, che hanno già ottenuto, volendoti morto. E, in più, mi sembra che tu
tradisca anche i tuoi figli che potresti allevare e educare e che, invece, abbandoni e che,
per quanto dipende da te, vivranno in balia del destino, come degli orfani. Il fatto è che,
o non bisogna aver figli o, se si hanno, sacrificarsi per loro, fino all’ultimo, allevandoli
ed educandoli; e tu, al contrario, mi pare che hai scelto il partito più comodo. E, invece,
devi fare quello che un uomo onesto e coraggioso farebbe, specialmente, tu, che dici di
aver perseguito la virtù per tutta la vita.>>

Platone, “Critone”, V