Giu 292015
 

<<Il fatto è che… li ho corrotti tutti.

Sì, sì, è andata a finire che li ho corrotti tutti!

Oh, non mi ricordo, non mi ricordo, ma presto, molto presto è corso il primo sangue: ne erano stati stupiti e innorriditi, e avevano cominciato a separarsi, a disunirsi. Erano comparse delle associazioni, ma già l’una contro l’altra. Erano cominciati i rimproveri, le accuse. Avevano conosciuto la vergogna, e l’avevano innalzata a virtù.

[…] Era cominciata l alotta per la separazione, per l’isolamento, per l’individuo, per il mio e il tuo. Avevano cominciato a parlare lingue diverse. Avevano conosciuto il dolore, e gli era piaciuto, il dolore, bramavano le sofferenze e dicevano che la verità si raggiunge soltanto attraverso la sofferenza.

Allora era nata la loro scienza. Quando erano diventati cattivi, avevano cominciato a parlare di fratellanza e umanità e avevano capito questi concetti. Quando erano arrivato dei criminali, avevano inventato la giustizia e avevano prescritto interi codici per conservarla e per fare rispettare i codici avevano innalzato la ghigliottina.

A malapena si ricordavano quello che avevano perso, non volevano neppure credere di essere stati, un tempo, innocenti e felici.>>

Il sogno di un uomo ridicolo, F.Dostoevskij, 1877

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)