Apr 212018
 

Eudaimonia (gr. εὐδαιμονία, lett. “essere in compagnia di un buon demone”), come illustrato da Aristotele, definisce il benessere umano come la più alta virtù per una società.

Eudaimonia può significare anche”prosperità”, in quanto denota una condizione complessiva di benessere in cui l’essere umano percepisce i propri benefici a partire dalla contemplazione cosciente delle considerazioni etiche che ci aiutano a definire come desideriamo vivere.

Che il nostro sostrato etico sia occidentale (aristotelico, kantiano), orientale (scintoista, confuciano), africano (ubuntu) o riconducibile a una qualsiasi altra tradizione, creando sistemi autonomi e intelligenti che rispettino esplicitamente i diritti umani inalienabili e i valori culturali dei loro fruitori, e possibile dare la priorità all’aumento del benessere umano come parametro per il progresso nell’ “età algoritmica”.

Riconoscendo il potenziale di un approccio olistico, la prosperità dovrebbe in questo modo diventare più importante del perseguimento di obiettivi monodimensionali come l’aumento della produttività o la crescita del PIL di un Paese.

Fonte: The IEEE Global Initiative on Ethics of Autonomous and Intelligent Systems_, 2017, IEEE – Institute of Electrical and Electronics Engineers

 

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.