Nov 282016
 

Vi siete mai chiesti quanti dati una società potrebbe raccogliere su di voi con niente di più che un nome e un “mi piace” su Facebook?

Nell’esperimento – che è stato condiviso dalla società di prevenzione delle frodi Cifas – una caffetteria mostra esattamente cosa succede quando ottiene dai suoi clienti un like alla sua pagina di Facebook per un caffè gratuito. Richiedendo anche il loro nome sono in grado di raccogliere rapidamente una quantità spaventosa di dati personali nel tempo necessario per preparare un cappuccino. Le informazioni, che sono cercate da alcune persone in un furgone dall’altra parte della strada, vengono sussurrate nell’orecchio del barista del caffè. Si va dall’istruzione al posto di lavoro e la religione. Chiaramente maggiori sono le informazioni messe su Facebook più sarà semplice essere frodati. Condividere dati personali come data di nascita, indirizzo e numero di telefono può rendere vulnerabili.

fonte: lastampa.it

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)