Apr 102017
 

Nel mondo di oggi, qualsiasi processo decisionale, in ogni settore, qualsiasi innovazione, è data driven, cioè determinata dall’elaborazione di dati.

Ma chi sono i “padroni dei dati”? Gli addetti ai lavori li indicano con la sigla OTT, che significa Over The Top, ovvero “sopra la vetta”. Sei grandi aziende, sei “sorelle” che in diversi modi influiscono sulla società globalizzata. Sono chiamate così forse ricordando le “sette sorelle” che avevano lo stesso potere in un mondo passato, quello dell’industrializzazione del secondo dopoguerra. Allora il bene primario per lo sviluppo era il petrolio, oggi sono i dati. I dati sono il petrolio del nostro tempo.

Ci sono divergenze di vedute su quante e quali siano le sei (o sette) sorelle del Grande Fratello. L’elenco più comune comprende Google, Yahoo, Apple, Amazon, Facebook e Microsoft, tutte americane. La settima sarebbe Alibaba, cinese, che però è orientata più al commercio all’ingrosso che alla vendita ai consumatori.

Alla luce di queste semplici considerazioni, l’idea che siamo tutti spiati non è esagerata,  non è frutto di paranoia né punto di partenza per qualche scoop estemporaneo. E’ una realtà con cui tutti dobbiamo fare i conti.
“Tutti” vuol dire proprio “tutti”, escluso solo qualche eremita o qualche anziano signore o signora che delle tecnologie non sa che farsene. “Tutti” che non prendono le precauzioni minime per evitare di essere spiati, profilati, limitati nella loro libertà di scegliere.

La CIA, secondo Wikileaks, può spiarci attraverso il televisore intelligente. Che assomiglia sempre di più all’orwelliano teleschermo di “1984”. E anche attraverso il frigorifero intelligente, capace di ricordarci che dobbiamo comperare le uova.
Ma è così difficile aprire lo sportello e contare le uova rimaste?

Forse qualcuno vuole spostare l’intelligenza (per quel po’ che ne abbiamo) dalla nostra testa alle cose che dobbiamo comperare. Così, sempre più stupidi, compreremo molte più cose. Cose più intelligenti di come saremo noi, felici di possederle.